• Maria Grammatico in convento.
    Maria Grammatico in convento.
  • Portone dell'orfanotrofio San Carlo.
    Portone dell'orfanotrofio San Carlo.
  • Suore Antiche Pasticcere
    Suor Maria Angela e Suor Stellina, antiche suore pasticcere di Erice.
  • Suor Stellina.
    Suor Stellina.
  • Cuore di martorana.
    Cuore di martorana e cedro preparato anticamente nel periodo natalizio.

La storia di Maria Grammatico

Nata nel 1940, Maria Grammatico ben presto rimane orfana ed entra a 11 anni nel convento delle monache di clausura di San Carlo, ad Erice. In quel periodo, caratterizzato da intense giornate di duro lavoro, Maria faceva apprendistato e riusciva a carpire i segreti dell'antica arte pasticcera conventuale. Rimane al convento San Carlo 15 anni. Questo è il periodo del suo apprendistato. Abbandonato il convento, Maria decide di sfruttare quanto appreso e crea un piccolo negozietto - laboratorio proprio.

Dopo lunghi anni di sacrifici e di tanta passione, apre un nuovo locale: la "Pasticceria di Maria" in Via Vittorio Emanuele. Grazie a lei, l´antica tradizione della pasticceria conventuale ericina è sopravvissuta negli anni, fino ad arrivare a noi.

Maria Grammatico è molto rinomata soprattutto per le delizie che, ancora oggi, prepara con le proprie mani ma anche per la sua toccante storia raccontata in "Bitter Almonds", scritto da Mary Taylor Simeti (pubblicato da William Morrow and Company Inc. di New York) e tradotto in italiano con il titolo di "Mandorle Amare" pubblicato da Flaccovio Editore.

Mandorle Amare

Bitter Almonds
Bitter Almonds

Grazie a Mary Taylor Simeti, una scrittrice americana, Maria Grammatico racconta la sua storia nel libro "Mandorle Amare". Oltre a rivivere gli anni della sua giovinezza e le prime esperienze lavorative che la renderanno famosa in tutto il mondo grazie alla sua raffinata arte pasticcera, Maria ci regala anche alcune sue celebri ricette, proprio come le aveva "rubate" alle monache di clausura del convento di San Carlo di Erice.