• Insegna della pasticceria
    Insegna della pasticceria.
  • Genovesi con crema.
    Genovesi con crema.
  • Frutta martorana - Fichi
    Fichi di martorana.
  • Belli e Brutti
    I Belli e Brutti.
  • Frutta martorana - Limoni
    Limoni di martorana.
  • Sospiri
    I sospiri.
  • Confettura di Mandarini.
    Confettura di Mandarini.

La Pasticceria di Maria Grammatico, una dolce Tradizione.

Tra le incantevoli vie della città di Erice sorge la pasticceria di Maria Grammatico, nota in tutto il mondo per i tipici dolci ericini a base di mandorle. Esempio unico dell’arte pasticcera, i dolci tradizionali di Maria Grammatico vengono lavorati a mano e preparati con ingredienti rigorosamente naturali, proprio come avveniva cinque secoli fa nei conventi delle monache di clausura. Visitando Erice non si può fare a meno di essere catturati dal profumo e dal sapore di una genovese appena sfornata, di una deliziosa cassata siciliana o dai fragranti dolci di mandorla come i bocconcini o la frutta martorana.

Tortine Paradiso.
Tortina Paradiso.
Cassatina Siciliana
Cassatina Siciliana.
Amaretti.
Amaretti.

Antichi odori e sapori rivivono grazie alla sapiente arte di Maria Grammatico.

La mandorla è l’ingrediente principale della pasticceria di Erice insieme ad altri prodotti genuini come ricotta, fichi, agrumi e miele. Con essi, si preparano tanti dolci e biscotti tradizionali, tutti rigorosamente lavorati artigianalmente e dai nomi più svariati come i belli e brutti, i sospiri, i mostaccioli o come la lingua di suocera e la genovese con crema. La loro indiscutibile qualità e bontà è dovuta soprattutto alla passione che Maria Grammatico ha saputo infondere in quest’arte e che l’ha resa famosa non solo in Italia ma anche all’estero.

Tritatura delle mandorle.
Tritatura delle mandorle.
Lavorazione manuale.
Lavorazione manuale.
Confezionamento.
Confezionamento.

I dolci della tradizione

  • Genovese con crema

    La Genovese con crema.
    La Genovese.

    La genovese è una sorta di “raviolone” di pasta frolla farcito con crema pasticcera. Da gustare preferibilmente caldo.
    Ingredienti: farina, zucchero, margarina, uova, crema di latte, scorza di limone.

  • Frutta Martorana

    La frutta Martorana.
    La frutta Martorana.

    Simile al marzapane ma molto più dolce e saporita, la frutta martorana è un dolce rinomato poiché imita perfettamente nel suo aspetto frutta ed ortaggi.
    Ingredienti: mandorla, zucchero, glucosio, vaniglia, coloranti naturali.

  • Mustaccioli

    I mustaccioli di Erice.
    I mustaccioli di Erice.

    I mustaccioli sono dei biscotti secchi e duri aromatizzati che venivano serviti solitamente con un vino da dessert.
    Ingredienti: farina, zucchero, chiodo di garofano, mandorla, ammoniaca.

  • Agnello Pasquale

    Agnello Pasquale.
    L'Agnello Pasquale.

    Anticamente preparato in occasione della Pasqua, questo dolce è molto simile come consistenza alla frutta martorana ed è farcito con conserva di cedro.
    Ingredienti: mandorla, zucchero, conserva di cedro, glucosio, vaniglia, coloranti naturali.

  • Belli e brutti

    Belli e brutti.
    Belli e brutti.

    Chiamati anche “brutti ma buoni”, i belli e brutti sono caratterizzati da una forma irregolare. A base di mandorla ed aromatizzati al limone.
    Ingredienti: mandorla, zucchero, bianco d’uovo, lievito, limone.

  • Coccellato con fichi

    Buccellato di fichi.
    Coccellato di fichi.

    Dolce siciliano, in origine preparato nel periodo natalizio, è un impasto di pasta frolla farcito con fichi secchi.
    Ingredienti: farina, zucchero, margarina, chiodi di garofano, cannella, fichi, ammoniaca, vaniglia.

Mandorle Amare

Bitter Almonds
Bitter Almonds

Grazie a Mary Taylor Simeti, una scrittrice americana, Maria Grammatico racconta la sua storia nel libro "Mandorle Amare". Oltre a rivivere gli anni della sua giovinezza e le prime esperienze lavorative che la renderanno famosa in tutto il mondo grazie alla sua raffinata arte pasticcera, Maria ci regala anche alcune sue celebri ricette, proprio come le aveva "rubate" alle monache di clausura del convento di San Carlo di Erice.

Maria Grammatico e la sua storia

Maria Grammatico
Maria Grammatico

Nell'immediato dopoguerra, Maria Grammatico entra nel convento di San Carlo ad Erice. Nonostante la vita molto dura, Maria riesce ad imparare la "segreta" arte della pasticceria negli antichi laboratori delle monache di clausura. E' prorpio grazie a lei ed alla sua passione che oggi è ancora possibile gustare i deliziosi pasticcini di mandorla realizzati proprio come cinque secoli fa.